La Fortezza di Niš

Una delle più antiche città dei Balcani

Con circa 250,000 residenti, Niš è la terza città più grande in Serbia e la capitale del distretto Nišava. Si trova nel sud della Serbia, al crocevia delle più importanti vie balcaniche ed europee che collegano l'Europa con il Medio Oriente.

Il gateway tra l'Oriente e l'Occidente

Niš è una città che si trova sul fiume Nišava, ed è un importante centro regionale, amministrativo, culturale, economico, commerciale ed universitario del sud-est della Serbia.

Situato nella valle di Niš ad un'altitudine media di metri 192, alla foce del fiume Nišava nel fiume Morava meridionale, Niš copre la gamma di circa 600 chilometri quadrati. È circondato da magnifiche catene montuose come il monte Suva, i monti Svrljig e Seličevica.

Grazie alla sua posizione geografica peculiare, nel corso della storia, Niš è stato conosciuto come 'Il gateway tra l'Oriente e l'Occidente'. Di conseguenza, la città è stata spesso obiettivo di invasioni militari, il cui impatto si riflette nei numerosi monumenti storici.

Si tratta di una antica città romana

L'antica città romana, Naissus, che probabilmente successe un insediamento celtico, è stata menzionata come un posto importante nel 2nd secolo da Tolomeo, nella sua Guida alla geografia. La vecchia fortezza sulla riva destra del fiume si ritiene sia stata costruita su questo sito. Sotto le sue mura, in 269 dC, l'imperatore Claudio II sconfisse un esercito di Goti. NIS è il luogo di nascita di Costantino il Grande (C. 280). Durante le migrazioni degli Unni nel 5th secolo, la città fu distrutta, e i bulgari la conquistarono nel 9th secolo, ma la cedettero nel 11th secolo agli ungheresi, da cui poi se la contese l'imperatore bizantino nel 1173. Verso la fine del 12th secolo, la città passò sotto la dinastia serba Nemanja, ma nei 1375 i turchi se la presero.

Niš è stata recuperata più volte per breve tempo, ma la dominazione turca durò 500 anni, e la città divenne una stazione importante sulla rotta da Istanbul all' Ungheria. Nella prima rivolta serba (1809), i serbi spararono e distrussero il proprio magazzino di polveri da sparo e fecero morire un gran numero di nemici; tra le rovine delle costruzioni turche troviamo Cele Kula (Torre dei Teschi) ove sono integrati i teschi di oltre 900 dei serbi caduti durante la battaglia di Čegar. L'esercito serbo liberò Niš nel 1877, e la città fu ceduta loro dal Trattato di Berlino (1878). Nella prima guerra mondiale, Niš divenne per un periodo la capitale della Serbia.

Attrazioni culturali e storiche

Le più importanti attrazioni culturali e storiche a Niš sono il Mediana - una grande tenuta romana del 4th secolo; Fortezza Niš - La fortezza turca meglio conservata nei Balcani centrali, costruita nel 1723 e contenente i resti della Naissus romana nelle sue fondamenta; la Torre dei Teschi (CELE Kula); Čegar, dove vi è stato eretto un monumento sul sito della battaglia tra Stevan Sinđelić ed i turchi; il Monumento ai Liberatori di Niš - Eretto nel 1937 in memoria della lotta per la liberazione di Niš; il Campo della Croce Rossa - Un campo di concentramento nazista; e Bubanj Memorial Park - Uno dei più grandi siti di esecuzione della Seconda Guerra Mondiale in Serbia.

Attrazioni vicino a Niš

aree picnic nei dintorni di Niš sono la Sićevačka Klisura gola - Una caratteristica naturale 16 km a lungo protetto con piante e animali rari; il Jelašnička Klisura gola - Una riserva speciale con oltre 2 km di natura, cascate, piante rare ed animali; il Bojanine Vode Resort per le vacanze; Kamenički Vis - Un luogo di villeggiatura con strutture sportive invernali; e la cava Cerjanska Pecina, 4 km di lunghezza, con ampie grotte decorate in formazioni di cave (stalagmiti, stalattiti, etc.).